Favole romane • Il blog di Alessia Solidani
#MOODALove is in the hairVery Important Friend

Favole romane

La cornice ideale di una bellissima storia d’amore

alessia-solidani-matrimonio-roma7

Amiche!

Torno a scrivervi per raccontarvi un’altra emozionante esperienza a cui ho avuto il piacere e l’onore di partecipare: il matrimonio della splendida Benedetta Funaro, che ha scelto di ambientare la cerimonia in una delle cornici più suggestive di Roma.

A volte mi capita di rimanere sorpresa dall’incredibile patrimonio artistico (più o meno noto o celebrato) che costella questa città, capace di riservare piccoli capolavori di arte e cultura sia ai turisti sia ai cittadini di lungo corso che vogliono perdersi tra le sue vie, sicuri di trovare sempre qualcosa di nuovo dietro l’angolo.

alessia-solidani-blog-tempio-maggiore

Difficile descrivere l’incredibile fascino del Tempio Maggiore di Roma, dove si è svolta la cerimonia: maestosa, imponente, suggestiva, la sinagoga (una delle più grandi d’Europa) trasmetteva un’atmosfera di sacralità che si rifletteva visibilmente sui volti emozionati degli sposi, dei parenti e degli ospiti.

Un clima di magia a cui la sposa ha contribuito presentendosi in un mozzafiato abito creato a Parigi da Gianbattista Valli che ne esaltava tutta l’eterea bellezza. Commossa e bellissima anche la mamma, Diletta Perugia, incantevole nel suo Gattinoni.

Insomma, outfit letteralmente pazzeschi che hanno ulteriormente facilitato il compito di ideare acconciature all’altezza dell’occasione – è stato facile lasciarsi ispirare da tanta eleganza, che mi ha guidato fin da subito nella direzione giusta per arrivare alla combinazione perfetta!

Come sempre, un grazie speciale lo dedico ai collaboratori, che mi accompagnano sempre. In questo caso i miei saluti vanno a Fabrizio Biocca, che ha curato alla perfezione il cambio acconciatura della sposa durante lo sfavillante ricevimento al Salone delle Fontane all’EUR.

È stata una giornata bellissima! Auguri alla sposa, e un saluto a tutti!

A presto,
A.

Leave a Response