Umidità, capelli crespi e come combatterli • Il blog di Alessia Solidani
BalmBest PracticeTIPS&TRICKS

Umidità, capelli crespi e come combatterli

Qualche consiglio pratico per curare i capelli anche nelle condizioni più avverse

alessia-solidani-capelli-crespi-umidità-consigli

Amiche!

Nella vita di ognuna di noi è arrivato prima o poi il fatidico momento in cui abbiamo dovuto fare i conti con gli effetti dell’umidità sulle nostre acconciature – un problema che inevitabilmente si manifesta attraverso capelli gonfi e crespi, oppure con un generale appiattimento delle texture: episodi che, ne sono sicura, ci hanno costretto a passare ore e ore allo specchio nel tentativo di porre rimedio a una situazione apparentemente ingovernabile.

L’umidità è uno dei fattori che maggiormente influisce sulla tenuta dei nostri capelli: infatti agisce in particolar modo sulla cuticola, lo strato più superficiale della struttura del capello, che generalmente corrisponde anche alla parte più rovinata e perciò più permeabile all’umidità. Già in questo frangente è possibile prendere alcune piccole precauzioni che inevitabilmente gioveranno alla salute della nostra cuticola: limitare l’utilizzo di shampoo, per esempio evitando di lavarsi i capelli tutti i giorni, e assicurandosi sempre di utilizzare prodotti delicati e con un basso dosaggio di solfati, è una pratica che giova immensamente e fin da subito al mantenimento di una cuticola sana e forte – soprattutto se abbiamo l’accortezza di utilizzare sempre maschere e balsami delicati a non aggressivi. È importante limitare anche l’utilizzo di phon e piastre: sono strumenti che se impiegati in modo eccessivo contribuiscono a sfibrare i capelli, rendendoli secchi e maggiormente porosi e quindi in grado di assorbire più facilmente e velocemente l’umidità dell’ambiente circostante. Insomma, è uno di quei casi in cui il consiglio e la mano di un esperto certamente non guastano!

alessia-solidani-uminidtà-capelli-crespi-consigli

Ma la vera differenza la fanno, inutile dirlo, i prodotti anti-crespo. E già qui è importante fare una distinzione fondamentale tra prodotti a base di silicone e prodotti che, al contrario, ne sono privi: in entrambi i casi la meccanica rimane la stessa – tali prodotti creano intorno al capello uno strato protettivo e isolante che impedisce all’umidità di penetrare nella cuticola – ma anche in questo caso è importante avere cura di utilizzare le marche contraddistinte da una preparazione il più naturale possibile. Infatti, se è pur vero che il silicone è forse la sostanza con le più efficaci caratteristiche di isolamento, allo stesso tempo tale sostanza rischia di appesantire troppo i capelli, costringendoci e lavarli, e di conseguenza ad asciugarli, più spesso, con il rischio di ricadere nel circolo vizioso che in molti casi contribuisce all’indebolimento della nostra cuticola. Perciò abbiate sempre cura di scegliere sieri privi di silicone.

Applicati prima o dopo la piega, questi prodotti sono l’ideale per combattere l’umidità dell’ambiente esterno e preservare la tenuta del nostro look. Ma anche in questo caso la loro efficacia dipende direttamente dalle piccole accortezze necessarie alla loro applicazione. Soprattutto, durante l’asciugatura, è consigliabile utilizzare una bocchetta ultrasottile e una spazzola a setole di cinghiale, avendo cura di terminare la fase di asciugamento con un colpo d’aria fredda: in questo caso lo sbalzo improvviso di temperatura serve a sigillare le cuticole dopo averne eliminato l’umidità residua.

E proprio gli sbalzi di temperatura sono forse il fattore più importante e meno gestibile dell’intero argomento: non solo non posiamo controllare la temperatura atmosferica (a chi non piacerebbe…), ma siamo continuamente sottoposte, senza rendercene conto, a numerosi e accentuati sbalzi di temperatura tra esterno e interno, passando più volte nel corso della stessa giornata da ambiente esterni, freddi e umidi, ad ambienti interni a volte riscaldati più del necessario. Infatti non è solo l’umidità che contribuisce a disfare le nostre acconciature: il suo contraltare sono infatti le stanze, gli uffici, le camere eccessivamente riscaldate, dove i nostri capelli finiscono inevitabilmente per seccarsi, mentre il deposito di sudore sul cuoio capelluto contribuisce ad arricciare ulteriormente i nostri capelli.

Perciò, ancor prima dei prodotti anti-crespo, il mio consiglio rimane sempre quello di non sottoporre i nostri capelli a stress ripetuti quando non completamente inutili: abbiate sempre cura di non esagerare con piastre e prodotti eccessivamente carichi di sostanze non naturali, ponete particolare attenzione alla fase di asciugatura e soprattutto evitate di esporvi a sbalzi di temperatura eccessivi – e in questo senso, l’utilizzo di un cappello potrebbe non solo arricchire il vostro particolare stile ma anche il benessere dei vostri capelli, contribuendo a mantenerli a una temperatura più o meno stabile negli ambienti esterni, freddi o umidi.

E voi? Che rimedi mi consigliate per combattere i capelli crespi?

Un abbraccio e alla prossima!
A.

Leave a Response